Cosa fare in caso di gozzo nei piccoli uccelli
Cosa fare in caso di gozzo nei piccoli uccelli

Cosa fare in caso di infiammazione del gozzo nei piccoli uccelli?

Uno dei problemi più comuni quando si manda un uccellino dal veterinario è una condizione chiamata "gozzo acido". Il gozzo acido è in realtà una "stasi del gozzo", una condizione in cui il bambino ha un gozzo - o esofago - pieno di cibo a mano che è andato a male.

Il termine "gozzo acido" descrive la condizione del contenuto del gozzo, ma raramente è una malattia in sé. Nella stragrande maggioranza dei casi, è in realtà un sintomo di un'altra malattia.

Il pericolo di infiammazione delle colture viene dal cibo avariato stesso. Proprio come qualsiasi cibo si rovina se viene tenuto troppo a lungo in una stanza calda, il cibo per bambini non digerito raccoglie tossine e batteri - e minaccia la vita dell'uccello.

La goiterite è una condizione in cui il gozzo non funziona più affatto. In altre parole, il raccolto smette di svuotarsi.

Un proprietario si avvicinerà al bambino per una poppata programmata e vedrà che la maggior parte o tutto il cibo della poppata precedente è ancora lì. È importante notare qui che non si dovrebbe mai dare cibo extra a un bambino che ha ancora un raccolto pieno.

È importante quando si alleva un pulcino a mano che sapere esattamente quanto e come spesso nutrire.

Il gozzo è un'emergenza e dovresti chiamare immediatamente il tuo veterinario.

Trattamento

Quindi, come fa un veterinario la condizione? Per stabilizzare il paziente, il cibo avariato deve essere rimosso il prima possibile. Nella maggior parte dei pazienti, il cibo può essere rimosso tramite un tubo di alimentazione orale. A seconda della dimensione delle particelle del cibo per bambini, si può inserire nella coltura un imbuto standard di gomma rossa o di metallo con una palla. Il contenuto della coltura può poi essere aspirato.

A volte, tuttavia, il medico dovrà diluire il cibo avariato introducendo acqua calda o soluzioni elettrolitiche nella coltura prima di rimuovere il cibo. La coltura viene poi massaggiata delicatamente e il contenuto viene aspirato. È importante palpare il tubo nella coltura durante l'aspirazione per evitare che la parete della coltura risucchi contro l'estremità dell'imbuto. Una volta che la coltura è ragionevolmente vuota, deve essere risciacquata riempiendola ripetutamente con una soluzione elettrolitica calda e bilanciata, massaggiando la coltura e aspirando il contenuto fino a quando è chiaro.

La disidratazione è un problema

La stragrande maggioranza dei bambini curati per il gozzo saranno da moderatamente a gravemente disidratati. La mancanza di assunzione di fluidi dovuta al raccolto non funzionante, combinata con le persistenti alte perdite di fluidi associate a molte malattie infantili, provoca carenze di fluidi che possono essere pericolose per la vita. Quindi, una volta che il gozzo è stato svuotato, il veterinario si prenderà cura dei bisogni di liquidi del paziente, di solito somministrando fluidi per via endovenosa.

I bambini che non sono completamente piumati hanno spesso bisogno di una temperatura ambiente da 29 a 32 gradi. Quelli che sono malati sono meno capaci di termoregolare. Il vostro veterinario dovrebbe quindi prestare una cura extra per assicurare che i pazienti dell'ospedale siano tenuti al caldo. Bisogna anche mantenere un'alta umidità per evitare di contribuire alla disidratazione.

In termini di farmaci, la crescita eccessiva dei batteri nel gozzo e nel resto del tratto gastrointestinale deve essere affrontata. Mentre gli antimicotici possono essere utili, gli antibatterici sono molto più urgenti.

Una volta prestato il primo soccorso, il veterinario dovrebbe eseguire un esame fisico dettagliato e raccogliere campioni appropriati per una valutazione diagnostica approfondita.

Ricordate che il gozzo è un sintomo, non una malattia, quindi il problema sottostante deve essere identificato e risolto se il bambino deve prosperare.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
it_ITItaliano